In questo anno scolastico gli studenti delle Quinte liceo scientifico hanno utilizzato l’ora settimanale con l’insegnante madrelingua di inglese per realizzare un progetto particolare. Una volta divisi in gruppi ci è stato richiesto di ideare un progetto d’impresa e di realizzarlo dividendosi i compiti, pensando al ruolo di ciascuno all’interno dell’azienda e al tipo di clientela da raggiungere, ma soprattutto ogni gruppo doveva trovare un’idea innovativa e particolare per il proprio business. Tutto questo ovviamente parlando esclusivamente in inglese, con lo scopo di migliorare la propria conoscenza della lingua e in particolare della terminologia specifica aziendale. Fin da subito ogni gruppo ha pensato a idee diverse da sviluppare, ma ha dovuto anche tener conto dei costi, senza mai perdere di vista l’obiettivo principale, cioè quello di registrare profitti. Da questi lavori sono nate tante start-up molto diverse tra loro, dal ristorante tecnologico all’allevamento di lumache, dal distributore automatico per gli oggetti di cancelleria al microchip per gli oggetti smarriti. I progetti d’impresa sono stati dunque presentati in inglese, a una giuria composta da alcuni professori insieme ad alcuni genitori ed ex-allievi che lavorano nel settore imprenditoriale e che hanno gentilmente accettato di partecipare. Per quanto si trattasse di un progetto scolastico la cui finalità principale era il miglioramento della lingua, la giuria ha apprezzato molto la qualità dei lavori presentati, riconoscendo l’impegno che ogni gruppo ha messo nel realizzare il proprio progetto.

Riccardo

Nella foto la Commissione di manager e imprenditori vaglia gli “start up projects” degli allievi delle Quinte scientifico. Un ringraziamento a: Francesco Rolla (CFO Alltub Italia); Maurizio Casati (Sales Manager SIAP); Marco Biraghi (CEO Reconice Srl); Alvise Biffi (CEO Secure Network); Antonio Cocola, (MD Benzi Group); Marianna Locatelli (Corriere della Sera edizione di Bergamo); Matteo Caputo (Energy Engineer); Renato Arrigoni (referente Alternanza Scuola Lavoro).

Shares
Share This